Non avrei mai dovuto pubblicare questo sporco post sul mio amico Mark Linkous

Questo è un post scritto con la pancia, piuttosto che con il cuore. Questo è un post per Laura, per Felice, per Pasquale, per tutti coloro che lo hanno amato alla follia come me. E’ un post che non c’entra niente con l’eleganza dell’interaction design o con i problemi angoscianti dell’università italiana. E’ un post che nasce dalla constatazione di come sia sempre e comunque maledetta la morte nell’era dei social media. Facebook distrugge tutto e tutti. In mezzo alle amichette che inseriscono le foto dei loro party anni ’80 e non sanno nemmeno cosa fossero gli anni ’80, in mezzo al solito video contro il solito personaggio politico italiano che fa sentire tutti attivi politicamente quando invece YouTube ci ha reso beatamente innocui. Ci sono parole che non perdono mai il loro valore. RIP: rest in peace.

Questo è un post che non avrei mai voluto pubblicare.

Lo scrivo mentre ascolto Sea of Teeth, perchè è l’unico suo brano che ho osato suonare, magari insieme a qualche amico che comprende cosa c’è dentro quei due accordi così banali. Ho tanti di quei ricordi legati alle sue canzoni che non mi sembra nemmeno vero di conoscerlo da tanto tempo.

Ovviamente non saprò mai il perchè e molto probabilmente non lo voglio nemmeno sapere. Ma sono sicuro che la depressione è una brutta malattia, che qualcuno deve mettercela tutta per distruggerla, perchè non ne possiamo più di sentire storie come questa, nonostante in fondo riguardino un amico che conosciamo in un modo strano, che non abbiamo mai incontrato di persona, anche se abbiamo tutta la presunzione di conoscerlo profondamente, perchè ha composto una decina di canzoni che ci ha fatto vibrare il cuore. Perchè Sparklehorse è uno dei nomi più belli che si possa dare a una band.

Addio Mark. Spero almeno di aver scelto una bella foto per ricordarti.

This entry was posted in emotional. Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

One Comment

  1. Posted 08/03/2010 at 9:03 pm | Permalink

    Bel post. E Mark Linkous era un artista straordinario. La musica ha davvero perso tanto.

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>